pasto_bacelli

E’ ora della pappa! Il momento del pasto a casa delle Tagesmutter Domus

Grande importanza educativa riveste il momento del pasto presso la casa delle Tagesmutter Domus.

preparazione._pasto

Le Tagesmutter imparano dalla formazione che il cibo è relazione, che i bambini entrano in contatto con il cibo attraverso i sensi, le narrazioni familiari, le domande che pongono a loro stessi e quelle che pongono ai caregiver.

Il cibo diviene esperienza della pluralità, ricchezza data dalle differenze.

Quanti colori e grandezze.

Quante forme differenti può avere  un pomodoro o una zucchina?

E da cosa riconoscono allora che si tratta di un pomodoro o di una zucchina?

E allora i bimbi osservano, assaggiano… fanno esperienza presso la casa Tagesmutter della complessità.

I bambini hanno anche l’occasione di contribuire alla preparazione del loro pasto facendo esperienza di manipolazione del cibo.

E possono esplorare, con strumenti idonei, ingredienti magari poco graditi (come le verdure) che aggiunti ad altri possono arricchire il loro sapore e diventare gradevoli… che scoperta!!

Le Tagesmutter conoscono l’importanza di offrire il cibo non solo perché fa bene, ti fa “diventare grande e forte”, ma soprattutto per la sua bontà e bellezza.

TIRANKE MILIMONO – Novate Milanese (MI)  – Tagesmutter Domus® n°303 dell’albo professionale – socia lavoratrice Baby360

Milimono_Pasto

Mangiare bene è un’abitudine che si acquisisce fin da piccoli, la cultura del cibo sano e buono è una preziosa alleata di una corretta alimentazione che si può, si deve, imparare fin da piccoli.

Nella casa di una Tagesmutter questo avviene grazie all’importante formazione fatta con una nutrizionista.

Nella mia casa, per scelta famigliare, acquistiamo prevalentemente cibo da agricoltura biologica.

Privilegiamo la varietà di cereali, ortaggi e frutta, rispettiamo la stagionalità.

E’ lo stile alimentare che propongo anche ai piccoli che accudisco.

“La pappa, la pappa è pronta la pappa, la pappa è pronta, la pappa mangiam, gnam!”

Così, con questa canzoncina ogni giorno ci mettiamo a tavola pronti a vivere il momento del pasto.

Un modo per predisporci a vivere in modo sereno e tranquillo questo momento speciale nella nostra giornata insieme.

Manine che apparecchiano la tavola, le pancine affamate che brontolano, i profumi della cucina fanno venire l’acquolina in bocca: “Tata, io ho fame!”.

Finalmente siamo tutti seduti, con bavaglioli e grembiule, pronti a saziarci, per nutrirci di cibo ma anche di parole, sapori, profumi e colori.

Apprezzamenti sulla pappa (“Tata, che buona!”, “Tata, sei stata brava, hai cucinato bene anche oggi”, ” A me piace”) e chiacchiere sul loro vissuto.

Mangiare insieme è per noi un momento di convivialità, di conoscenza reciproca, di apprendimento di nuovi significati, parole nuove.

Nella quotidianità presso una casa Tagesmutter non solo il nutrirsi è un’esperienza significativa ma anche il cucinare, insieme, diventa una bella avventura da vivere.

Un’esperienza divertente dove il bambino può mettere in gioco le sue mani e gli altri sensi: può impastare, schiacciare, dividere, stendere stimolando la motricità fine; può assaggiare; può annusare.

Sempre con grande entusiasmo e curiosità i bimbi si approcciano alle attività di cucina dove sono ormai piccoli grandi esperti.

Preparare una torta, lavorare l’impasto della pizza o del pane, sgranare piselli, sbattere le uova per preparare la frittata, sbucciare un mandarino, sgusciare un uovo sodo sono azioni che compiono con la concentrazione e la maestria di chef stellati!

ALESSIA SALZANI – Magenta  – Tagesmutter Domus® n°175 dell’albo professionale – socia lavoratrice Baby360

pasto_salzaniPensare a chi ho a tavola con me, alle sue competenze in base all’età e alle inclinazioni di gusto.

Prendermi del tempo per preparare qualcosa che sia oltre che buono e sano anche bello da vedere.

Uscire di casa per scegliere la migliore materia prima.

Pregustare le pietanze attraverso l’olfatto e vivere l’attesa della cottura.

Allestire la tavola in modo allegro e ordinato.

Inventare canzoni mentre si cucina e si apparecchia.

Condividere le proprie emozioni e i propri sogni mentre si mangia.

Cucinare insieme ai miei ospiti.… tutto questo è per me il cibo.

Madre natura offre ogni anno primizie tutte da scoprire e gustare, una vera scuola per i bambini e non solo: diversi colori forme e funzioni a seconda della stagione.

In autunno frutta e verdura ricche di vitamina C per stimolare le nostre difese immunitarie.

In inverno ortaggi grandi che si conservano a lungo e molto nutrienti per sostenerci durante la stagione fredda.

In primavera frutta e verdura per depurare l’organismo risvegliando il metabolismo.

In estate cibo ricco di licopene e vitamina A per proteggerci dai raggi solari.

Quanti spunti per conoscere con tutti i sensi!

Ci viene in aiuto anche tutta la sapienza della tradizione legata al territorio in cui ognuna di noi Tagesmutter vive.

Qui nella valle del Ticino questo autunno ci sta portando in viaggio tra i campi di pannocchie per imparare a conoscerle (chi sa oggi cos’è un tutolo!?), sgranarle, macinarle e fare la farina per giocare o per la polenta o buttare i chicchi in padella e scoprire la meravigliosa invenzione dei pop-corn.

Ci porta l’uva ed ecco una vendemmia tutta casalinga per degustare il mosto fragrante.

Ci porta la zucca per preparare il risotto o farcire in modo originale la nostra pizza autunnale tutta arancione.

Ogni settimana l’attenzione dei bambini viene catturata da una forma, da un odore, da un colore e da lì può partire un percorso sensoriale e di conoscenza che ci porta a fare esperienze che oggi in nessun asilo o scuola (e a volte casa!) si fanno più…

Sgranare il melograno ed estrarne il succo, usare il mortaio per preparare il pesto, rompere le uova e frustarle a mano per vedere l’albume e il rosso fondersi in una bella crema arancione (che può diventare una gustosa frittata!).

Ma non solo: sgranare i legumi dai loro baccelli, impastare la pasta di pane o la frolla sentendo la loro morbida texture tra le dita che pian piano prende corpo e diventa elastica.

pasto_piselli

 

E poi, bisogna ammetterlo, le ricette preparate coi bambini hanno quel tocco speciale che le rende più gustose e a volte davvero uniche e irripetibili!

Mi impegno come mamma con i miei figli e i loro amici e come Tagesmutter coi più piccoli per vivere in cucina un’esperienza di piacere, di conoscenza e di benessere in modo che tutti si sentano soddisfatti.

Mi piace pensare che siano portati a ricercare la stessa positività là dove saranno un domani…da grandi…chissà…!

Il bello è che si tratta di un’esperienza alla portata di chiunque lo desideri: si può partire proprio dalle cose più semplici lasciandosi ispirare dalla grande Sofia Loren che diceva:

“l’ingrediente indispensabile per fare della buona cucina, l’amore verso coloro per cui cucinate”.

NUNZIA PUPINO – Nova Milanese (MB) – Tagesmutter Domus® n°207 dell’albo professionale – socia lavoratrice Baby360

Pasto_pupino

Il momento conviviale per eccellenza nella casa di una Tagesmutter è certamente il pranzo, soprattutto quando si offre ai bambini la possibilità di prepararlo insieme.

È un meraviglioso mondo di sapori, colori, odori, rumori, un momento che sicuramente soddisfa la fame, ma anche il bisogno del bambino di sperimentare e relazionarsi: impastare, manipolare, tagliare, sbriciolare, annusare, assaggiare!

È un’esperienza talmente coinvolgente ed entusiasmante che non appena pronuncio la frase magica:

“prepariamo insieme la pappa?”

tutti si precipitano al cassetto in cui riponiamo i grembiulini e, rimboccate le maniche, inizia il divertimento…

E io li osservo con emozione per la loro capacità di stupirmi sempre!

PAULA ARAUJO VIEIRA – Milano (zona Cenisio) – Tagesmutter Domus® n°201 dell’albo professionale – socia lavoratrice Baby360

Pasto_Araujo

A casa mia il momento del pasto e anche quello della merenda hanno un importante significato.

Quando possibile mi piace rendere partecipi i bambini nella preparazione del pranzo, facendo insieme la pizza, le lasagne, le polpette, il purè, i biscotti o la torta per festeggiare il loro compleanno.

Coinvolgere i bambini nella preparazione del pasto, invitando​gli a toccare gli alimenti, senza avere paura di sporcarsi, gli permette di sperimentare tante sensazioni (profumi, morbidezza, caldo/freddo…).

Ma non solo li fa anche sentire partecipi in modo attivo.

Quando l’età lo permette, è bello lasciare ai bambini il compito di apparecchiare la tavola ed insegnargli ad avere cura anche attraverso gesti semplici come la distribuzione delle tovagliette, dei piatti, delle posate e bavaglie.

Il momento del pasto è anche educare a come lavarsi le mani prima di mangiare, a condividere il cibo quando i bambini mangiano piatti diversi o il semplicemente augurarsi “Buon Appetito!”.

Inoltre per me è importante permettergli di mangiare con le mani, lasciando disponibili le posate in modo che possono usarle quando si sentono pronti e capaci.

Mi piace che il pasto sia vissuto come un momento pieno di ritualità, cura e senza fretta… proprio come a casa!

Articolo creato 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto