coniglietti_Pasqua

Raccontiamo ai bambini la “storia” della Pasqua

Eccoci arrivati a Pasqua…

Cosa vuol dire Pasqua?Pasqua deriva dal latino “pascha” e dall’ebraico “pesach” che significa passare oltre, indica il passaggio.

Per gli Ebrei il passaggio rappresenta l’attraversamento del popolo ebraico del Mar Rosso, ovvero il cammino dalla schiavitù egiziana verso la libertà.

Per i Cristiani rappresenta il passaggio dalla morte alla vita di Gesù Cristo ed è la festa cristiana più importante dell’anno.

Si celebra la Resurrezione di Cristo che coincide col risorgere della natura a nuova vita.

Pulcino_Pasqua

Quindi la Pasqua ebraica e quella cristiana celebrano eventi differenti, che ricorrono più o meno nello stesso periodo dell’anno ma non nello stesso giorno.

La Pasqua cristiana cade la domenica successiva alla prima luna piena di primavera (sempre fra il 22 marzo e il 25 aprile), per questo motivo ogni anno ha una data differente.

Come fare per spiegare la Pasqua ai bambini soprattutto quando sono piccoli?

Non è cosa semplice principalmente per il carico di sofferenza e dolore che c’è dietro il suo significato più profondo.

Non solo… spiegare la Resurrezione è particolarmente complicato.

Va considerato che è uno dei più affascinanti misteri della Fede sul quale anche i più illustri teologi passano da secoli ore di studio.

Ma d’altronde, è un vero peccato che ai bambini arrivi solo il lato consumistico della Festività e si sia perso il valore simbolico delle uova colorate, della colomba e dell’agnello e che questi siano diventati quasi dei “prodotti di stagione”!

uova_2019Pasqua

Sarebbe bello trasformare il significato della Pasqua in una “storia” da raccontare ai propri bambini e che ogni genitore la creasse con i propri ingredienti, pescati dalla propria tradizione familiare.

Questa “storia” aiuterà a generare nuovi riti familiari che aumenteranno la coesione della famiglia stessa.

Ecco qualche spunto utile per creare la “storia” per i vostri bambini.

Consideriamo i sentimenti di Gesù che ha pianto, sofferto e provato un immenso dolore perché è stato tradito da colui che riteneva essere un amico e comunque è riuscito a perdonarlo.

In questo modo la “storia” raccontata ai bambini non sarà solo la storia di un Dio ma di un grande uomo!

Perché si usa colorare le uova secondo il Cristianesimo?

uova1_Pasqua2019

Si può’ raccontare un aneddoto del Vangelo:

“Maria dopo essere stata al sepolcro ed averlo trovato vuoto, corse dai discepoli per comunicare loro la bella e straordinaria notizia.

Ma uno di loro, Pietro, era molto incredulo e dubbioso e disse che le avrebbe creduto se il cestino di uova, posto sul tavolo, si fosse colorato di rosso. E così fu”.

E la colomba cosa significa?

Pace, il sacrificio della vita di Gesù’ avrebbe lo scopo di costruire un nuovo regno di Pace.

E l’agnello?

Viene paragonato a Gesù in quanto uomo mite.

E l’ulivo?

Quando Gesù fece il suo ingresso a Gerusalemme aveva ormai tanti seguaci che lo accolsero sventolando festosi un ramoscello di ulivo.

ulivo_2019_Pasqua

E le campane?

Dopo ben tre giorni di silenzio e tristezza per la morte di Gesù, a mezzanotte di sabato le campane di tutte le chiese del mondo suonano a festa per festeggiare la Resurrezione di Gesù.

Possiamo fare riferimento anche alla tradizione pagana.

Ritroviamo le uova e il coniglietto pasquale nella leggenda della dea Primavera delle tribù’ pagane germaniche.

Questa dea si chiamava Ostara.

Era una bella ragazza giocosa che in Primavera scendeva dal cielo con un cesto pieno di uova.

Aveva un amico magico: un coniglietto, che portava a nuova vita tutta la Natura.

Correndo nei prati nascondeva le uova colorate che venivano poi cercate dai bambini.

Il coniglio si sa è un animale molto riproduttivo, per questo motivo lui, come le uova della Dea, richiamavano il significato della rinascita.

CONSIGLI di BABY360

Mentre raccontiamo ai bambini la nostra “storia” è importante coinvolgerli nella preparazione della Pasqua in modo che anche loro possano costruire la loro tradizione famigliare.

Chiediamo il loro aiuto per decorare il nostro albero di Pasqua.

Utilizzando creta, stoffa, carta o qualsiasi materiale ci risulta affine, si possono realizzare insieme coniglietti, colombe e agnellini da far appendere ai bambini all’albero o ad un singolo ramo.

Con materiali naturali (verdure, frutta e aromi) possiamo far colorare ai bambini tante uova da disporre poi in cestini di vimini che potranno essere utilizzati come centrotavola, distribuiti per la casa o portati in dono.

Riscopriamo i dolci della tradizione, a seconda della propria terra d’origine  coinvolgendo anche i nonni, quale ottima occasione per preparare con i propri bimbi un buon dolce legato alla nostra storia famigliare da gustare tutti insieme nella domenica di Pasqua.

Buona Pasqua a tutti!

Articolo creato 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto